Lenti per Vicino - Intermedio:

Il paradiso del lavoro in ufficio

Quando la nostra giornata lavorativa si svolge per gran parte seduti in un ufficio, i primi problemi di visione nel vicino recano non pochi problemi: c'è chi si sforza di allontanare il più possibile il piano di lettura e rimandare l'uso di occhiali, chi invece ne richiede un paio per ogni distanza di lavoro (uno per la lettura di documenti, uno per computer, uno per interloquire con il cliente ecc.).

In tutti questi casi, il fastidio e la frustrazione regnano sovrani.

Ecco allora che nasce la necessità di un occhiale che possa coniugare tutte le attività ravvicinate (da 40 cm a 2 metri circa) in un un'unica lente: una Lente per Vicino - Intermedio. 

ufficio.jpg
ZEISS-office-lenses-1.jpg

Sulla falsa riga di una Lente Progressiva (clicca qui per informazioni sui progressivi), anche la Lente per Vicino - Intermedio presenta una progressione di poteri per permettere la visione a più distanze.

In cosa si differenziano allora queste due tipologie di lenti?

Una lente per Vicino-Intermedio presenta nella sua parte bassa il potere adatto alla lettura ravvicinata (documenti, quotidiani, cellulari, 40 cm circa), e nella sua parte più alta un potere che consente la visione fino ad un massimo di 2 metri circa.

Il lontano, pertanto, non è contemplato (al contrario delle progressive).

La scelta di questa esclusione non è casuale: andando ad includere il potere per lontano (come nei progressivi) si avrebbe una riduzione importante delle zone funzionali alla visione intermedia, in particolare per l'uso al Computer. 

Inoltre la postura da mantenere per una corretta visione al Computer risulterebbe più scomoda, dovendo mandare la testa eccessivamente all'indietro per intercettare il giusto potere per quella distanza.

Ogni lavoro che preveda la lettura di documenti, l'uso di computer e il comunicare con colleghi/clienti in un intorno di 2 metri circa, può essere per cui svolto con comfort estremo, senza mai dover togliere l'occhiale.

La visione al computer, in particolare, risulterà ottimale a primo impatto, senza bisogno di spostare eccessivamente la testa,  grazie all'ampiezza delle zone funzionali.

a.jpg
i-terminal-2_orig.png

Ovviamente, anche in questa tipologia di lenti, la personalizzazione dei parametri di costruzione resta molto importante per un miglior risultato.

Utilizziamo perciò una strumentazione specifica e all'avanguardia, per assicurarci di ottenere parametri accurati per una resa massima.