Lenti a Contatto Morbide

Visione nitida a 360°

Le lenti a contatto stanno entrando sempre di più nella vita di molti portatori di occhiali, sia per sostituire la montatura in alcune attività specifiche, sia come vera e propria alternativa per l'intera giornata. 

 

I nuovi materiali permettono infatti di ottenere un porto confortevole e duraturo, facendo quasi dimenticare di aver indosso le lenti, e la qualità visiva è spesso ritenuta dai portatori superiore anche all'occhiale stesso (sebbene questo dato venga influenzato dal potere da correggere).

Image by Hubble
5.jpg

La scelta della miglior lente per il soggetto viene effettuata in ambulatorio, e tiene conto del potere correttivo, della composizione e quantità della lacrima e del tipo di attività che verrà svolta con la lente stessa.

Le lenti a contatto più comuni sono adibite alla correzione della miopia, ma esistono in commercio anche per la correzione di ipermetropia ed astigmatismo. 

L'astigmatismo in particolare necessita di qualche accortezza in più nella scelta della lente, in quanto si dovrà evitare che essa ruoti eccessivamente nell'occhio una volta indossata, o la visione risulterà instabile. 

Per farlo sono necessarie alcune prove applicative, effettuabili sempre a livello ambulatoriale.

occhio astigmatico.jpg

In quanto alla loro durata, si hanno lenti a contatto morbide giornaliere, quindicinali e mensili.

calendario lenti.jpg

Le lenti giornaliere sono pensate soprattutto per coloro che intendono farne un uso più sporadico, in quanto il costo è mediamente più alto se rapportato alla loro durata.

Il vantaggio si ha invece nell'assenza di manutenzione (il blister della lente viene aperto, la lente si usa solo durante l'arco della giornata e si butta prima di andare a letto) e nel fatto che decidiamo noi quando aprire la singola lente, per cui un pacchetto di 30 lenti vale per 30 occasioni non necessariamente ravvicinate (chi le utilizza tutti i giorni le termina in 1 mese, chi le utilizza ogni 2 giorni in 2 mesi e cosi via).

Le lenti quindicinali e mensili hanno invece una durata rispettivamente di 15 e 30 giorni dal momento della loro apertura: ciò significa che arrivati a fine giornata, prima di andare a letto, la lente andrà rimossa e posizionata nell'apposito portalenti con una soluzione conservante, lasciandole al suo interno fino all'indomani, quando verranno di nuovo indossate.

Sarà cura del portatore ricordare il giorno in cui il blister è stato aperto, e accertarsi di buttare la lente al termine del periodo di 15 o 30 giorni.

Consigliamo di effettuare sempre una visita preliminare a coloro interessati all'uso di lenti a contatto, per verificare che non vi siano controindicazioni per il loro porto a livello oculare.

Grazie alla nostra strumentazione questa valutazione è effettuabile in breve tempo nel nostro ambulatorio.

800wm.jpg