LENTI PROGRESSIVE:

VEDERCI BENE A TUTTE LE DISTANZE

Arriva per tutti un momento nella vita in cui la lettura comincia a risultare difficoltosa. 

Questa problematica, detta Presbiopia, è una condizione fisiologica che prima o poi interessa ogni individuo, sia egli un portatore di occhiali per lontano o una persona che non ne ha mai portati. 

Quando insorge questo fastidio, le soluzioni che in genere una persona adotta sono due: se il soggetto non porta correzione per lontano, o se presenta un difetto ipermetropico, tenderà ad acquistare un occhiale specifico dedicato alla lettura; se invece il soggetto presenta un difetto miopico, è probabile che tenderà a rimuovere il suo occhiale per lontano, allo scopo favorire la lettura. 

In tutti questi casi, la soluzione si traduce in un togli/metti di uno o più occhiali per passare da visione per lontano a lettura.

Questo comporta fastidi, ingombro e rotture più frequenti delle montature. Ecco allora che entrano in gioco le Lenti Progressive.

centro-oculistico-reggiano-presbiopia-10
134088.jpg

La variazione di potere tra lontano e vicino, produce però zone laterali non funzionali alla visione, dette "aberrate", che possono risultare fastidiose. 

Per limitare al massimo queste zone, è consigliabile utilizzare lenti di nuova generazione, che consentono la personalizzazione per la persona (tengono conto di come calza l'occhiale, del tipo di utilizzo che ne sarà fatto ecc.).

Ovviamente la personalizzazione di una lente richiede una presa parametri attenta e accurata. Per questo ci serviamo di una strumentazione Hi-Tech, che ci consente l'acquisizione dei parametri necessari tramite una serie di foto scattate ad occhiale indossato, altrimenti impossibili da calcolare ad occhio nudo.

colonnina.JPG

Una lente progressiva presenta nella sua parte superiore il potere adatto alla visione per lontano del soggetto; la parte inferiore ha invece il giusto potere per consentire la lettura, mentre nella zona centrale si ha una progressione di poteri, compresi tra il valore per lontano e quello per vicino, che consentono la visione delle distanze intermedie.

La persona avrà dunque:

- Visione nitida per lontano guardando davanti a sé;

- Visione nitida per vicino abbassando lo sguardo;

- Visione nitida nell'intermedio, che troverà autonomamente alzando e abbassando leggermente la testa in base alla distanza a cui intende vedere. 

Un solo occhiale per coprire ogni distanza. 

ottica pesaro_ottica venturi_faq_LENTI_P
progressivi photo.png

Grazie alle nuove tecnologie l'adattamento a queste lenti è diventato estremamente rapido, ed è sempre più raro incontrare soggetti con lenti di ultima generazione insoddisfatti. 

Vederci bene in ogni momento, oggi si può.