Lenti per Cheratocono

Ripristinare una buona visione è possibile

Il cheratocono è una problematica a carico della cornea, che porta una modificazione innaturale della sua curvatura.

Il suo nome deriva dal greco, ed è l'unione di "Keratos" (cornea) e "Konos" (cono), perché la forma che assume la cornea del soggetto ricorda per l'appunto un cono.

Questa problematica porta ad una visione molto instabile, in quanto una curvatura molto accentuata della cornea genera astigmatismi elevati ed irregolari, difficili da correggere sia con occhiali che con normali lenti a contatto. 

 

Ecco allora che entrano in gioco le Lenti a Contatto per Cheratocono. 

lenti-sclerali-cheratocono_edited.jpg

La loro applicazione è subordinata ad un'attenta visita ambulatoriale, in cui eseguiamo una Topografia Corneale per valutare bene posizione e stadio evolutivo del cono; solo dopo aver acquisito dati certi passiamo ad una prova applicativa di lenti a contatto, fino a trovare quella che dia miglior benessere visivo e che non vada ad interagire in nessun modo con il cono (la pressione continua di una lente a contatto sul suo apice rischierebbe altrimenti di peggiorare una situazione già delicata).

80142-14798057.jpg
cheratocono (1).jpg

Queste lenti a contatto rigide gas permeabili riescono a ripristinare una visione molto buona anche su cheratoconi piuttosto sviluppati, perché di fatto vanno a "sostituirsi" alla cornea del soggetto:

i bordi della lente poggiano infatti a livello della sclera, e la lente ricopre interamente la cornea come un ponte, senza andare a premere sull'apice del cono.

Questo fa sì che la luce che arriva al nostro occhio adesso non trovi più una superficie conica, bensì una sferica, data dalla curvatura della lente a contatto, che essendo rigida si mantiene stabile durante il porto quotidiano.

Lo spazio vuoto tra cornea e lente è riempito dal menisco lacrimale, per cui non si generano bolle d'aria.

Topografia.png

Pur dandoci questo mezzo una soluzione concreta per il ripristino di una visione molto soddisfacente, ricordiamo che il cheratocono è un'affezione degenerativa, che se riscontrata agli esordi consente una correzione più efficace e sicura.

Si consiglia perciò di eseguire periodicamente uno screening corneale per valutare la salute della cornea, eseguibile in pochi minuti nel nostro ambulatorio con una Topografia Corneale non invasiva.